ATTENZIONE:

Contenuti per adulti

Questo sito web contiene materiale sessuale esplicito non adatto ai minori. Devi avere almeno 18 anni o la maggiore età nel tuo Paese di residenza, per poter accedere. I minori sono esclusi da questo sito e devono uscire. Accedendo al sito dichiari di avere più di 18 anni e sollevi da qualsiasi responsabilità il creatore del sito, il suo titolare e il provider che lo ospita, infine dichiari che il luogo in cui sei, ti permette di poter vedere contenuti per adulti.

Come imparare il BDSM? Ecco alcuni consigli dei professionisti

Il BDSM (Bondage e Disciplina, Dominazione e Sottomissione, Sadismo e Masochismo) affascina, spaventa, interroga… Quando si legge questo termine, probabilmente si ha l'immagine di una dominatrice in pelle con una frusta che sta per martirizzare un uomo a quattro zampe. O il contrario, una dominatrice che tiene il collo di una donna al guinzaglio. Ma cos'è davvero il BDSM? E come possiamo praticarlo? Rispondono DirtyVonP, Stéphanie Doe, insegnanti di BDSM e Shibari all'Ecole des Cordes di Parigi e Larry, dominatore da 30 anni.

 

Comunicazione, sicurezza e consenso

I due insegnanti, entrambi dominatori, offrono nella loro scuola classi private, classi di gruppo (prima del coronavirus), classi di coppia BDSM, sessioni private BDSM, ma anche classi di iniziazione Shibari (imparare le basi del bondage giapponese). DirtyVonP, dominatore da 7 anni e insegnante da 4 anni, si è formato nei club BDSM di Parigi e all'estero in paesi come l'Italia o la Danimarca. Prima di ogni sua seduta privata, è necessaria una preparazione psicologica: "Mi prendo il tempo per discutere, per sapere cosa cerca il cliente. Questa fase può durare tra i 15 e i 30 minuti. Usando un questionario, la persona specifica i suoi limiti, i suoi gusti e le sue preferenze. Si può anche parlare di eventi traumatici, se ce ne sono (per evitare qualsiasi fattore scatenante). Stephanie Doe, insegnante, dominatrice e terapista sessuale, dice che è importante avere un background teorico: "Parliamo dei pilastri: consenso, parola sicura e ruoli. Questi sono gli ingredienti principali per la pratica". La sicurezza e il consenso dell'altro sono fondamentali: "Se la persona dice 'arancione' è troppo e 'rosso' significa stop", dice DirtyVonP.

 

Stephanie Doe descrive il suo modo di dominare in tre parole: rispetto, considerazione e non giudizio. Riceve molte coppie che vogliono imparare il BDSM: "Chiedo loro perché vogliono avvicinarsi a questo tipo di gioco, se vogliono migliorare una pratica sessuale o essere un po' più trasgressivi. Prendiamo tempo per decostruire i pregiudizi e i preconcetti". Interviene come insegnante, rendendoli consapevoli e mostrando loro i giusti gesti tecnici. Lei specifica che non è una cosa a tre e che non c'è nudità. In generale, sia in una classe che in una sessione privata, Stéphanie Doe raccomanda di prendere tempo, di non precipitarsi in pratiche che non si padroneggiano, e soprattutto di stabilire un clima di fiducia e di benevolenza.

 

Non appena il sottomesso pronuncia la parola "stop", devi immediatamente tenerne conto e fermare l'azione in corso. Il sottomesso ha il controllo. Il sottomesso definisce il quadro, quando iniziare e quando smettere. Il dominante risponde ai desideri del sottomesso che prova piacere nell'obbedire (o nel ricevere se si tratta di giochi SM): "Se il dominatore umilia, degrada l'altro in modo non consensuale, non è essere un dominatore, è creare abusi e metterlo sotto il suo controllo", dice DirtyVonP. L'obiettivo è quello di scambiare, di creare giochi di piacere: "I sadomasochisti ottengono piacere attraverso la sofferenza entro un limite che è rispettabile per il loro partner. Stephanie Doe, è d'accordo: "Prima di praticare il BDSM, ogni persona deve capire che il sottomesso non è a disposizione dell'altro. Come dominatrice, sono la creatrice di una scena, accompagno la persona a realizzare le sue fantasie (rispettando anche il mio consenso)".

 

"Sento l'eccitazione, ed è questo piacere che sarà la forza motrice: disegna scene erotiche".

In una sessione BDSM, si possono chiedere rondoni, fruste, sex toys, farsi tirare i capelli, essere strangolati… Contrariamente a quanto può suggerire questo elenco, il BDSM è soprattutto cerebrale, ed è essenziale capire questo: "Non è necessariamente genitale. Nelle mie sessioni private, nessuna parte del mio corpo penetra nel corpo dell'altra persona". Per amare il BDSM, hai bisogno di molta immaginazione: "Queste pratiche creano una potente intimità con l'altra persona. Noi tocchiamo il loro intelletto, la loro anima. Sento l'eccitazione, ed è questo piacere che sarà la forza motrice: disegna scene erotiche". Il professionista dominante specifica che la dissociazione non è compatibile con il BDSM: "Cerchiamo di fare corpo a corpo con la mente. Se la persona non è cosciente, può essere pericoloso". I clienti possono sperimentare una gamma di emozioni: paura, piacere, risate, frustrazione: "Dopo una sessione, cerchiamo di fare un corpo con una mente.

 

Cerchi anche tu di entrare in questo mondo? Inizia qui la tua esperienza BDSM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *